Storie di trasferimenti: la storia di Luca

Storie di trasferimenti: la storia di Luca

Storie di trasferimenti: la storia di Luca

Luca, 28 anni, cameriere, vive a Londra da 5 anni.

Quali sono le motivazioni che ti hanno spinto al trasferimento?

In Italia, dopo aver preso il diploma all’alberghiero non ho trovato un lavoro stabile, ho lavorato per diversi anni come cameriere, ma sempre a spot senza trovare un lavoro fisso per più di 6 mesi; era frustrante, ho quindi pensato di andare a Londra, lì avevo alcuni amici più grandi che si erano trasferiti da alcuni anni. Non è stato semplice! In Italia avevo una fidanzata, la storia è finita dopo due anni dal  mio trasferimento.

Che cosa hai lasciato in Italia?

Ho lasciato la mia famiglia, questa ragazza, alcuni miei amici.

Cosa hai trovato?

Appena arrivato, anche attraverso alcuni miei amici ho subito trovato lavoro in una grossa catena di ristoranti, sicuramente la mia conoscenza dell’inglese mi ha aiutato, per la prima volta avevo la possibilità di lavorare con prospettive future.

Momenti di difficoltà?

Molti, la parte più difficile è stata l’interruzione della storia con questa persona, la relazione è durata ancora due anni a distanza, ma più passava il tempo più mi rendevo conto di voler mettere un muro con lei; credo a posteriori di essere partito anche per fuggire da quel contesto in cui vivevo e dalla relazione. Io provengo da un piccolo paese in Puglia, e dopo le superiori mi sono accorto che mi stava stretto quell’ambiente culturale. In Inghilterra l’integrazione è stata piuttosto facile, avevo alcuni amici con cui condividevo la casa ed il lavoro.

Che cosa ti ha aiutato?

La condivisione con altri Italiani, miei amici.

Cosa consiglieresti a chi sta pensando di trasferirsi o si è appena trasferito?

Di pensarci bene. Dopo 5 anni a Londra mi sono reso conto che anche qui crearsi un futuro non è facile, ora vivo in condivisione ma se voglio una casa per me, i costi aumentando di molto, la città è molto cara. Non pensate che sia tutto semplice, perché non è così. Credo che i progetti possano essere fatti anche in Italia, magari è più difficile, ma si possono fare, io sono un pò partito per fuggire da una relazione e dal mio piccolo paese.

 Psicologo online tip 

A volte si parte per fuggire da una relazione in cui non stiamo bene e da un contesto che non ci piace, Nell’intervista di Luca traspare una nota di malinconia per le scelte fatte e la consapevolezza che strade semplici non ce ne siano.

Questa storia ci pone l’interrogativo: “Partire per ricominciare da capo?” oppure ” Rimanere e provare a “lavorare” su quel che già conosciamo?” La risposta è sempre soggettiva e porta con sé come funzioniamo, ma crediamo meriti una profonda riflessione.

Se sei in difficoltà rispetto ad una scelta importante parlarne con uno psicologo può aiutarti a capire come intervenire.

Raccontaci la tua storia all’estero, ti contatteremo per una breve intervista.

 

 

Psicologo-online

1 commento finora

Tommaso Scritto il6:27 pm - Apr 4, 2019

Vero, spesso si parte per fuggire da qualcosa o per ricongiungersi con qualcuno, e poi si decide di rimanere per un’altra ragione ancora. Cambiamo continuamente, ci mettiamo in discussione e stando all’estero scopriamo delle parti di noi a cui non avremmo avuto accesso senza il “trauma” della partenza.